(In)FormazionePersone, che spettacolo!

MODERNAMENTE CREATIVI: LA FORZA DELLE IDEE

L’importanza di portare creatività nelle nostre vite

Invenzione” è la parola che da sempre muove in avanti l’uomo e la sua “sorte”. Grazie alle idee abbiamo avuto l’opportunità di migliorare le nostre vite e quelle di coloro che ci stanno intorno: dai tempi più antichi del fuoco e della ruota, le necessità che avevamo in quanto uomini ci hanno spinto ad usare a nostro vantaggio gli elementi di una natura ostile e “selvaggia”.

Vediamo dunque come la creatività è effettivamente il motore che ci fa progredire, che trasforma le prime necessità in “lussi a portata di mano” e successivamente in “cose superflue”, che ci mette nelle condizioni adatte per poter avere un’idea e svilupparla al meglio: è quella caratteristica che ci rende diversi rispetto a tutti gli altri animali della Terra. Certo, starete pensando che non sempre le idee partorite dalle umane menti siano state sempre produttive in modo positivo: per ogni buona idea esistono mille modi per farne uso in modo improprio. Pensiamo ai moderni social network: idee geniali che in un attimo possono essere trasformate in armi in grado di trascinare sull’orlo del baratro persone, e con loro le vite che gli appartengono. Ovviamente non siamo qui per puntare il dito contro nessuno, né tantomeno per affrontare i soliti discorsi triti e ritriti di “denuncia sociale” (non è assolutamente il nostro lavoro, e lo lasciamo a chi lo sa fare meglio), ma per far notare che essere creativi è anche l’unico modo per sopravvivere nella “giungla della modernità”. Pensiamo al lavoro: in un momento della nostra esistenza in cui è molto difficile averne uno (specialmente nell’ambito di quelli che vengono definiti, ironia della sorte, “lavori creativi”) c’è chi il lavoro ha deciso di inventarselo, sviluppando un progetto che magari aveva in testa da sempre ma che non ha mai avuto il coraggio (o le possibilità concrete) di tirare fuori, oppure ha trovato gente uguale a sé che condivide le stesse passioni e “visioni”. E quindi si sfruttano tutti i mezzi che si hanno a disposizione per portare avanti le proprie idee, svolgendo lavori alternativi, di “ripiego” o che odiamo profondamente, ma che servono a completare e a dipingere “un quadro più grande”. Espressioni “complottiste” a parte, c’è un termine in grado di definire questo passaggio: auto-imprenditorialità.

Qui in Oltre cerchiamo di fare proprio questo. Stimolare le menti creative (partendo dalle più giovani) per ottenere dei benefici, “fare rete” con persone che hanno gli stessi obiettivi e le stesse idee. E perché no, magari un giorno anche dire: “vivo del lavoro che ho sempre voluto fare”… a conti fatti, c’è da dire, le idee sono ciò che ci arricchisce come persone, elemento di confronto con l’opinione altrui, e che ci aiutano a non trasformarci in grigio e uniforme cemento. Oltre crede nel gusto delle nuove idee.